Cosa vuol dire fare 100km, nella notte, a bordo di un monopattino sportivo?

Nessuno lo sa, per ora, ma la sfida è grande, folle ed intrigante.

Parte tutto da lontano, da un nostro amico di Ferrara che l’anno sorso, ha percorso lo stesso tragitto a bordo di una bici auto-costruita, tipo chopper.

Lui lancia la sfida, si aggregano i monociclisti che a loro volta ingaggiano noi, footbikers.

In breve la sfida diventa virale ed aggrega gente da diverse parti d’Italia:

Nicoletta da Rimini, un’icona del monopattino sportivo, atleta a tutto tondo, che se la vede bene sia con la footbike da strada che con quella ammortizzata, Stefano da Bergamo, tenace uomo che ama la fatica, solo per il gusto di faticare; Bruno da Ferrara, l’istigatore ed ispiratore di questa follia; Paolo da Como, veterano 56enne che si butta a capofitto in tutto ciò che ha l’aria di essere impossibile; Davis, da Rovigo, pazzo ed incosciente, che non ha mai fatto più di 1km in footbike e che proverà per la prima volta cosa significa spingere ed alternare le gambe, a bordo di un monopattino sportivo, per 12.000 volte di fila; ed infine Maria e Maria Teresa, le due socie di Myfootbike, che invece di stare al traguardo a tifare per i propri paladini, si cimenteranno nell’avventura, finchè le forze non verranno meno, oppure fino a quando non verranno raccattate dall’ambulanza.

Questo il gruppo compatto, partirà da Ferrara a mezzanotte di sabato 18/6 e percorrerà 100km lungo il Grande Fiume, percorrendo la ciclabile Destra Po fino al Delta, per poi arrivare a Lido di Volano, in riva al mare. Un’esperienza unica affrontata in tanti modi diversi: in gruppo, in tandem, in monociclo, o appunto in footbike.

foto notte

Come si sono preparati gli “atleti” a questa avventura? Ognuno a modo suo: chi percorrendo 10-15km alla volta, chi con allenamenti intensi e brevi, chi non si è preparato per niente e spera solo che la scìa lo trascini al mare, come la corrente del fiume.

Cosa ci ha ispirato? La voglia di fare qualcosa di memorabile, a bordo di un mezzo non convenzionale, considerato dai più poco più di un giocattolo, che invece dà tante soddisfazioni e tanta energia; l’amicizia e la leggerezza che deriva dal sapere che tanto non vince nessuno. In questa avventura, vale solo una regola. Partecipare, e già solo per questo, la vittoria è garantita.

Cosa ci sosterrà nei momenti di sconforto? Gli altri partecipanti: 200 il primo anno, ben 800 nella seconda edizione, quest’anno più di 1300 iscritti, ma gli organizzatori sono molto fiduciosi che alla partenza verrà raggiunto il numero massimo consentito di 1500 partecipanti.

Questo è successo lo scorso anno, speriamo di essere noi i reporter di questa edizione!

Seguiteci sulla nostra pagina FB, dove metteremo i dettagli…

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com